domenica 14 febbraio 2016

OMIA Non Sapone all'olio di mandorla

Buongiorno a tutti!

Ci ritroviamo con un altro prodotto, e oggi parliamo di un sapone!

La marca è OMIA laboratoires, e il prodotto si chiama Non Sapone eco biologico all'olio di mandorla, per mani e viso.

Si chiama "non sapone" perché è formulato con tensioattivi naturali (l'azienda specifica che è privo di sapone) e ha un pH fisiologico, ovvero simile a quello della pelle. Si tratta, quindi, di un detergente estremamente delicato, che non "sgrassa" eccessivamente la pelle delle mani e del viso.

Io l'ho acquistato per utilizzarlo con il Clarisonic, in quanto notavo che anche con detergenti delicati e bio, la pelle tirava e la sentivo sempre troppo secca. Con questo prodotto
non ho più questo problema. La pelle, anche dopo la detersione con il Clarisonic (ma l'ho utilizzato anche senza, ed è comunque validissimo), risulta morbida e vellutata, non tira ed è liscissima!

E' trasparente, poiché non contiene coloranti, ed è abbastanza denso. Fa poca schiuma, ed è leggera e morbida.
Ha certificazione ICEA per l'eco bio cosmesi, ed è garantito da LAV, la Lega Anti Vivisezione.

Essendo formulato con olio di mandorla biologico estratto a freddo, il profumo di mandorla è abbastanza forte, quindi se non vi piace questo tipo di odore ve lo sconsiglio. Io lo adoro, ed è un piacere lavarsi il viso.

La confezione contiene 300 ml di prodotto, e vi assicuro che ve ne serve poco alla volta. Io lo uso ormai da un mese e non sono neanche a metà confezione.
Inoltre, non contiene parabeni (cioè conservanti), SLES (i famosi tensioattivi chimici di cui parlavamo su, quelli che fanno tanta schiuma, insomma), coloranti sintetici e glicole propilenico (altro tensioattivo, derivato dal petrolio).

In sostanza, il detergente mi sta piacendo tantissimo, e per una volta credo proprio di aver trovato il mio detergente, quello che continuerò ad acquistare, visto che il prezzo è accessibilissimo (intorno ai 2-3€ da Acqua&Sapone, Tigotà e in molti supermercati).

E' così delicato che l'ho utilizzato come sapone per lavare il tatuaggio appena fatto, per evitare che la zona, molto delicata, si seccasse troppo e prolungasse il periodo di guarigione.

Avete mai provato questo non sapone? Come vi siete trovate?

A presto!